segno del Toro

Il segno del Toro

segno del Toro
L’astrologia… nel castello di carta
Il segno del Toro raccontato da Roberto Illario!!!

Il Toro è un Segno antico!

Beati i nato sotto il segno del Toro, placidi e tranquilli, solidi e sereni, soddisfatti della loro stabile vita terrena!

Il Toro è un Segno antico, legato alle prime civiltà “storiche” ed all’adorazione di divinità connesse con la fertilità della terra.

Un po’ di storia

Si parla di “Era del Toro” intendendo il periodo fra il 4300 a.c. ed il 2200 a.c. durante il quale si è sviluppata l’agricoltura e l’allevamento degli animali. Nascevano le prime città come luoghi in cui era concentrata ed amministrata la ricchezza ed era ancora forte la venerazione per la Dea Madre, dispensatrice di vita e di abbondanza. I riti sull’isola di Creta, il Mitraismo, l’adorazione di Shiva in India e del dio Api in Egitto, riguardavano tutti la figura del Toro. In quanto simbolo di energia vitale, di potenza naturale, della ostinata spinta alla crescita ed alla riproduzione, era indispensabile per la continuità della vita. E’ sottinteso l’impegno, lo sforzo, la fatica, il lavoro necessario per produrre vita, cibo, salute e nutrimento. Per ciò il Toro usa forza fisica e intelligenza pratica, percependo acutamente l’ambiente terreno con ogni senso, annusando e gustando, ascoltando suoni e cantando, tastando e guardando.

Il Toro agisce per uno scopo utile

Mentre l’Ariete fa le cose per il puro gusto di farle, per esprimere e consumare energia, il Toro, invece, agisce sempre per uno scopo utile. Il Toro si muove stimolato da un bisogno ed un desiderio, attratto dalla possibilità di godere di qualcosa. Oppure spinto dall’ottenere stabilmente un possesso piacevole e vantaggioso, o di proteggere meglio ciò che ha, ciò che ama e possiede. Leonardo da Vinci è stato un grande inventore nato sotto il segno del Toro. Spesso viene esaltato per aver anticipato strumenti e congegni che sarebbero stati realizzati solo secoli dopo, ma in realtà a lui interessava progettare e costruire aggeggi di utilità immediata. Ed era pagato per quello. La pura teoria, la ricerca fine a se stessa, erano ben lontane dalla sua mentalità taurina. Lui semplicemente osservava le leggi naturali e cercava dei modi per sfruttarle al meglio. Ma senza avere l’intralcio di una cultura “accademica” che era troppo astratta e formale, vincolata a vecchie concezioni e tradizioni.

Rivoluzionario e realista

Quindi, quando il Toro è rivoluzionario è perché ha guardato in faccia alla realtà ed ha scoperto che è ben differente da ciò che viene detto comunemente. Il Toro svela ipocrisie, falsità, imbrogli e cecità volute, spezza tabù e crea scandalo e turbamento sociale. Freud si è messo a parlare apertamente di sesso e perversioni, sconvolgendo i suoi contemporanei. Marx, Lenin e Bakunin hanno detto chiaramente che i ricchi rubano ai poveri. Shakespeare e Macchiavelli hanno osservato e messo in evidenza le motivazioni del comportamento umano, in amore ed in politica. Ed in fondo, hanno detto delle cose ovvie, persino banali, solo che hanno avuto il coraggio di dirle e di dimostrarle sfidando le convenzioni sociali. Naturalmente, attirando, sia sostenitori entusiasti che denigratori ed oppositori fanatici!

Scomodi ruoli sociali

Vittorio Sgarbi ed Erri de Luca sono due esempi contemporanei di Tori scomodi e molto discussi. E si possono aggiungere anche Elsa Fornero e Laura Boldrini, che hanno attirato molte critiche, portando avanti con coerenza e convinzione i loro ruoli sociali. E’ chiaro che parecchi Toro rischiano di irrigidirsi in posizioni estreme, mancando di flessibilità e di tolleranza. Possono ostinarsi in battaglie perdute in partenza, non volendo rinunciare all’attaccamento a principi ed a valori fortemente sentiti. Karol Wojtila e Pannella, Che Guevara ed Enrico Mattei, hanno avuto questi grossi difetti in comune!

Ma hanno anche grande fascino

Ovviamente, moltissimi Tori preferiscono sfruttare il loro fascino, la loro bella voce e la loro disponibilità ad impegnarsi seriamente in un lavoro, per ottenere successo, popolarità, floridezza e simpatia…anche per moltissimi anni, amando profondamente le loro attività e non avendo nessuna intenzione di mollarle fono all’ultimo! Un esempio clamoroso di ciò è la sempiterna Regina Elisabetta, inchiodata al suo trono fino alla morte. Ma nel loro piccolo ci sono Al Bano e Massimo Ranieri, che non mollano proprio mai!

Transiti e Quadrati

Attualmente, il Transito di Urano in Toro tende a destabilizzare un po’ anche i più tenaci e coriacei taurini ed il quadrato di Saturno in Acquario appesantisce pure le cose. Eppure questo Segno è così tosto che potrebbe assimilare pure questo, subendo solo qualche danno, come una vecchia quercia ferita dal fulmine, ma sempre in piedi ed indomita!
Ciao! da Roberto Illario!!!

Ti è piaciuto l’articolo di Roberto?
Ricordati di mettere il tuo gradito “Like” qui sotto!!!

Per leggere tutti i suoi articoli puoi CLICCARE QUI

 

Puoi avere un consulto personale sul tuo “Cielo di Nascita”,
contattare Roberto CLICCANDO QUI

Per conoscere ed approfondire gli argomenti di Astrologia, vai alle pagine dei libri Cliccando qui

+4